cerca su belcastroweb

 

BELCASTROWEB-MAIL

 

Seguici su

     

 

(ed ultimo) CONCORSO DI POESIA DIALETTALE BELCASTRESE!

Purtroppo vi devo comunicare che il concorso si ritiene nullo. Sono arrivate solo tre poesie quindi non ha senso farlo. Non mi rimane altro che dedurre che non siamo un paese di poeti. Peccato, mi sembrava una bella iniziativa.

 

Pubblico comunque le tre poesie che mi sono arrivate, solo perchè lo meritano.

 

Caru Bercastru

 

Caru Bercastru miu,

te scrivu sa poesia d’amore

pecchì, quandu te viu,

me ciange u core !

‘Na vota eri forte cumu na roccia,

biaddru cumu nu jure,

e i figghij tui, pe ttie,

furu sempre cu tantu onure.

Leon Cavallu, u capitanu,

jettau a mare u musulmanu.

Santu Tumasi d’Aquinu

vivìa l’acqua do Spiritu Divinu.

Luciu d’Orsu, u letteratu,

da tutti quanti fu cercatu.

Giuseppe Poeriu, u cumbattente,

fu libertariu cu core e mente.

Terremuati, pestilenze e carestie

passaru sempre sutte e tie.

I bercastrisi, paise miu,

dèzaru a vita cu tantu ardure

pecchì vulianu bene cu tantu amure.

Mò, sugnu sedutu subbra sa petra

e pianzu a chiste cose;

guardu sutta do castiaddru

e viu case varate e strade mute!

I gianti de na vota si ‘nde su juti

in cerca de fatiga e vita nova.

E tu, castiaddru atu e sulitariu,

guardi u paise cu dulure!

Si u cumandante e u Santu,

u letteratu e u combattente,

fusserrano ccà, subbra sa petra,

ciangerranu puru idrij,

cumu ciangiu io!

 

Raffaele Piccolo

Ricuardi de gioventù

 

Me risbijavu are tre da matina,

ma fhorsi nun m'eru mancu pijatu suennu,

carricavamu tutta e rrobbe subbra nu camiu,

u miticu leoncinu,

e partiamu pe ru mare.

tuttu l'annu avia aspettatu su mumentu.

fhaciendu strade purveruse, passandu mmienzu a  pedi d'alive,

fhinarmente vidire na distisa e rina janca e fina,

e davanti ad ida u mare de nu culure e na ntensità

inimmaginabile.

a barracca era de pali e cuverte,

ma a mmie me parìa na reggia.

doppu na vagnata e na natata

cu na camera d'aria ppe sarvagente,

me pijava u suennu sutta nu sole cucente

subbra a rina janca e fina

Tommaso Stanizzi

 

 

STA....MORE

 

Delicatu

abbattutu

commovente

sanguignu

 

bellu cumu u sule

cattivu cumu nu tempurale

 

paurosu cumu nu guagliuniaiu aru scuru

sicuru cumu n'uaminu intra u core da notte

 

STA...MORE, ca ha fattu paura a tanti!

rifiutatu

dimenticatu

feritu

umiliatu

 

troppu facilmente vene criticatu, e quasi pe iuacu puru abbandunatu. Ma "lui", STA...MORE ha sempre saputu, saggiu cumè, ca arriadi n'abbandonu c'è sempre nu ritornu e quindi nu perdonu.

 

BELCASTRO, STA...MORE

quiatu

attentu

cunzigliaru

fiduciosu

tollerante

preziosu

tenace

 

puterra essere bellu, bellu daviaru u paise nuastru, eppure capace si sulu azerra a vuce!

 

pe furtuna è vivu ancore e vasatu do sule STA...MORE.

Pino Coco

Questa è una poesia ritardataria!

 

U paise do Castieddru

 

a ri piadi da presila c'è nu paisiedu coriusu assai,

duve tanti anni fa c'è natu santi Tumasi D'aquinu,

u nnè tantu rande ma biedu assai e mpizzu domine u castieddru,

tuttu pare fattu e nu mastru e u nume datu a ru paise è Bercastru.

tanti simu chidi chi partimu pe lavoru, lassandu

a ru paise nu pezzu 'e core,

tuttu ritorne normale quandu se torne pe agustu o pe natale.

ma a malincunia ne pie, pecchì a vacanza è quasi passata,

cu l'uecchi chi snchianu e lacrime amare,

cu sa nustargia chi u 'nne pò passare.

a speranza è sepre uguale, se cuntanu i jurni pe putire turnare,

pecchì l'amuri è tarmente rande pe se quattru case, acussi a tutti i bercastrisi vannu dedicate se belle frase.

 

Giorgio Lomuoio

 

15 giugno 2004

11 giugno 2004

Contatore visite

 

Creative Commons License

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

 Alcuni diritti riservati 1998-2015 Carmine Stanizzi - AVVISO